Il pensiero esoterico nell’arte di Albrecht Dürer

albrecht Durer autoritratto

Nasce il 21 maggio 1471 a Norimberga

Grande esponente  della pittura Tedesca Rinascimentale, frequentò a Venezia ambienti Neoplatonici che lo portarono ad esplorare vie esoteriche.

Ma chi è Dürer, un folle, un artista, un amante dell’esoterismo o tutte e tre le cose messe insieme? Lui per molto tempo subì il potere e il fascino del Pi greco, troneggiava nella sua mente, nelle sue mani, nelle sue opere. L’autoritratto (che vediamo qui sopra) raffigura Albrecht in posa come un cristo, scena voluta, scelta pensata. In alto a sinistra troviamo la sua firma, ma non vi sembra strana? Generalmente quando si firma lo si fa in basso a destra ma qui no. Prendete ora una lente e ingranditela. Notate qualcosa? Nulla? Se fate attenzione l’iniziale del suo nome, la lettera A la rappresenta a forma di Pi Greco con la D, iniziale del suo cognome, al suo interno, ma il suo vero cognome, in origine, era Ayas che etimologicamente deriva dalla parola “Porta”, che poi è anche lo stemma della loro famiglia. La porta verso la “Conoscenza” potremmo dire. Ma di quale conoscenza stiamo parlando, è solo un folle travolto dalla passione verso le alchemiche stranezze del suo tempo o semplicemente uno sprovveduto? Di certo era un profondo conoscitore dell’ Apocalisse di Giovanni e per questo dedicò all’argomento tanti lavori.

«Io sono l’Alfa e l’Omega, dice il Signore Dio, Colui che è, che era
e che viene, l’onnipotente.» [Ap 1, 8].

Volendo approfondire il discoro basterebbe prendere una delle sue opere più importanti per capire fino a che punto ha fatto dell’occultismo, un opera d’ Arte. Prenderemo come esempio la Melancholia opera che fa parte di un trittico, di tre vie, di tre porte che conducono alla Conoscenza. Ora ingrandite l’immagine, osservate e noterete tanti particolari “illuminanti”…

durer_melencoliaNotate con quanta sapiente cura Albrecht Dürer ne rappresenti la via, ma la porta di cui parla l’artista, non si aprirà mai se non si hanno le chiavi. Psiche al centro e al suo fianco un putto che rappresenta l’ Amore, quell’ amore triste…malinconico appunto. L’ intera opera è poi di una simmetria tale da non lasciare dubbi su dove si possano trovare le chiavi, la via da percorrere e la porta. Questi sono i 3 elementi importanti.

geometria_MelencoliaL’opera è piena di simboli e volendo continuare su questi binari non finiremmo mai, ma uno merita di essere raccontato, il quadrato magico in alto a destra.

quadrato magico

34 Il suo numero magico… e  in basso raffigura il 15 e poi il 14, 1514 data in cui è stata fatta l’incisione, peccato che questa combinazione di numeri, questa data è anche considerata l’ inizio ” dell’ Età Oscura”, per intenderci era il periodo di Lutero e ben presto avviò la sua Riforma. Ma stavamo parlando di quadrati magici…ebbene si anche in quello di Giove  troviamo la stessa combinazione e Saturno che si trova nella Melancholia? Non sta li per caso. O forse ci vuole dire ancora di più? I numeri…sono come un labirinto, se inizi a giocarci non ne esci più. Ma in tutto questo che fine ha fatto Albrecht Dürer, Annus Horribilis per lui.

Il 1514 è anche l’anno in cui morì la madre.

Possibile che quell’ evento abbia potuto creare una tale devastazione mentale? Così fosse avrebbe fatto la fortuna di uno psicologo. Amore e Psiche (che potrebbero benissimo rappresentare la madre e Albrecht) e la loro Melanchonia, dovuta dal distacco della morte che incombeva sulle spalle della signora Dürer. Cosa ti ha portato a creare quest’opera così enigmatica, pari solo alla grande Gioconda di Leonardo Da Vinci. Oppure realmente avevi raggiunto la tua di “Conoscenza” riuscendo ad elevare ad uno stadio superiore l’anima?

Muore a  Norimberga, 6 Aprile 1528.

Attualmente la sua salma giace nel cimitero della chiesa di San Giovanni.

«Io sono l’Alfa e l’Omega, dice il Signore Dio, Colui che è, che era
e che viene, l’onnipotente.» [Ap 1, 8].

Enea Rotella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...