Stop al mercurio nei denti

mercurio amalgame  La sindrome del cappellaio matto prende il nome da eventi che risalgono all’800: gli operai che lavoravano nelle fabbriche di cappelli impazzivano a causa dell’immersione delle pelli animali in una soluzione di nitrato di mercurio. Dopo il plutonio, infatti, il mercurio è l’elemento chimico più tossico, e a molti di noi è stato impiantato nei denti. L’Organizzazione mondiale della Sanità ricorda come le otturazioni siano la causa maggiore di assunzione di mercurio nella popolazione. In bocca transitano bibite gassate, acidi alimentari, sali e liquidi alcolici che causano un continuo rilascio in basse dosi di mercurio. Anche gli alimenti assunti ad alte temperature causano il rilascio di vapori di mercurio, come dimostra il video più sotto. Alla tossicità del mercurio sono correlati numerosi sintomi, tra cui la depressione, l’emicrania, la perdita di memoria, le gengiviti, l’Alzheimer, il Parkinson, l’autismo, la stanchezza cronica. Per questo motivo alcune nazioni come la Danimarca, la Finlandia e la Svezia da tempo hanno abolito l’uso dell’amalgama. Il Dr. David Kennedy, dell’Accademia Internazionale di Medicina Orale e Tossicologia già da tempo ha dimostrato che a 37°C le otturazioni emettono un vapore a base di mercurio altamente tossico (clicca qui per il video). In Italia c’è una scarsa presa di coscienza del problema, innanzitutto perché sono pochi gli odontoiatri che sconsigliano l’amalgama a base di mercurio e, secondariamente, perché lo stesso Ministero della Salute non fa alcun tipo di informazione.

Enea Rotella

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...