Flint. Il fiume aromatizzato al piombo

fiume flint polonio inquinamento

 

Nella città di Flint, nel Michigan (USA), 500 mila abitanti hanno bevuto per molto tempo acqua inquinata con il piombo. Nel 2014, per risparmiare, l’amministrazione aveva smesso di utilizzare l’acqua potabile del lago Huron e aveva preso a rifornire le tubature domestiche con quelle del fiume omonimo, che tuttavia sono risultate contaminate con composti perflorurati o PFC, molecole che sostituiscono  il legame carbonio-idrogeno con carbonio-fluoro. Secondo un rapporto del Dipartimento del Michigan Community Health, le acque del Flint river sono altamente tossiche per l’uomo. Sono stati riscontrati livelli di piombo pari a 13.200 parti per miliardo e a più riprese i residenti locali si sono lamentati per le eruzioni cutanee, la perdita di capelli e altri disturbi. Ma la notizia certamente più inquietante è che i bambini esposti al PFC avrebbero subito danni irreversibili al cervello. Perfino la General Motors, che ha degli impianti lungo il fiume, ha smesso di utilizzare l’acqua perché corrode i macchinari. Secondo il procuratore generale del Michigan, Bill Schuette, che ha avviato un’indagine, si tratta di una tragedia umana.

Il rapporto ha dimostrato come nel fiume siano presenti elevati livelli di PFOA, noto anche come C8, che è stato collegato a numerosi problemi di salute. Tra questi, danni al sistema immunitario, malattie alla tiroide e due tipi di cancro. Oltre ai rubinetti delle abitazioni a Flint, un’alta concentrazione delle stesse sostanze è stata riscontrata ad Hoosick Falls, nello stato di New York, nel New Jersey, in Colorado, nello New Hampshire e in Pennsylvania. L’Epa (United States Environmental Protection Agency) nel corso degli ultimi mesi ha cercato di tranquillizzare la popolazione facendo promesse che non sono mai state mantenute.

Anche la UE, dopo la Convenzione di Stoccolma, ha cercato di classificare i composti più pericolosi per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Tra questi vi sono i PFOS e i suoi 98 composti correlati. Queste sostanze sono in grado di bioaccumularsi negli organismi viventi e la loro concentrazione viene biomagnificata. La biomagnificazione è il processo che porta all’accumulo di sostanze tossiche negli esseri viventi e che aumentano procedendo dal basso verso l’alto nella piramide alimentare.

Ma questo punto della storia una domanda nasce spontanea: chi ha versato tali sostanze nel fiume? Difficile dare una risposta perché le indagini sono ancora in alto mare. Interessante però notare come a poche miglia di distanza da Flint, dove è situata la Wurtsmith Air Force Base, vi sia una riserva naturale con livelli di inquinamento ancora superiori. Questa base, oggi ufficialmente dismessa, è stata tra gli snodi più importanti per gli aerei da combattimento nelle due guerre mondiali. Quando quest’ultime sono cessate la base fu utilizzata, come ha riportato il New York Times, per lo sviluppo di nuove armi e sistemi di sorveglianza satellitare a lungo raggio.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...