Siria: attacco con i gas. Giustizia per tutti (?)

Nel mondo oggi più di ieri domina l’ingiustizia, ma di eroici cavalieri non abbiamo più notizia.

Come canta il maestro Guccini, oggi più che mai si sente l’esigenza impellente di eorici cavalieri e ancor di più, di giustizia. Da non confondere con il giustizialismo. Altra faccenda. Siria: attacco con i gas. In questi giorni giustamente, il mondo Occidentale si sta riunendo nel suo bel palazzo di vetro per capire, decidere come comportarsi. I capofila sono i soliti volti e organizzazioni: dalla Mogherini a Hollande, dalla Merkel all’Onu. Qualcuno a premere il grilletto è stato, ma non è stata ancora trovata la pistola fumante. Questione di tempo. Forse. La giustizia ha il compito e il dovere di trovare e condannare i colpevoli. Ma la giustizia purtroppo, ha più volti da mostrare all’opinione pubblica. Perché questa indignazione e voglia di fare, questa affannosa rincorsa in nome della giustizia non si è avuta anche quando, per sua stessa ammissione, gli U.S. hanno per sbaglio provocato una strage di circa duecento uomini, donne, bambini a Mosul, Iraq? Perché un crimine di guerra come quello del gas, che è l’anticamera dell’inferno in terra viene condannato a livello unanime però, quando lo stesso crimine viene commesso da un alleato ci si volta dall’altra parte? Magari fischiettando o peggio ancora, facendo finta di niente? Uno degli e(o)rrori di questa civiltà è che la giustizia viene pilotata a proprio piacimento. In essa, come possono avere fiducia coloro che vivono alla base della scala alimentare umana?

 

Salta in piedi, Sancho, è tardi, non vorrai dormire ancora,
solo i cinici e i codardi non si svegliano all’aurora:
per i primi è indifferenza e disprezzo dei valori
e per gli altri è riluttanza nei confronti dei doveri !
L’ingiustizia non è il solo male che divora il mondo,
anche l’anima dell’uomo ha toccato spesso il fondo,
ma dobbiamo fare presto perché più che il tempo passa
il nemico si fà d’ombra e s’ingarbuglia la matassa…

Enea Rotella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...